Mese: luglio 2016

Cos’è Instagram Stories, la nuova feature sulle orme di Snapchat

INSTAGRAM LANCIA STORIES, UNA NUOVA FUNZIONALITÀ CHE PERMETTE LA CONDIVISIONE DI SLIDESHOW COMPOSTI DA UN MASSIMO DI 100 ELEMENTI, TRA FOTO E VIDEO Instagram Stories è già attiva, anche se servirà ancora qualche settimana perché possa essere disponibile in tutto il mondo: se sulla schermata dell’applicazione appare l’icona , siamo pronti! In alternativa, per creare il nostro piccolo visual storytelling, potremo anche far scorrere il dito verso destra da qualsiasi punto dell’app. Potremo inserire nella storia fino a 100 elementi, sui quali (come succede già su Snapchat) sarà possibile aggiungere emoji, testo e filtri; una volta salvata, la storia rimarrà visibile ai nostri follower per 24 ore e non apparirà sul nostro profilo, né nel feed. Importante: non potremo condividere storie ogni volta che vogliamo, ma al massimo una al giorno. Potremo vedere se gli account che seguiamo hanno pubblicato una nuova storia direttamente dalla schermata principale: quando ci sono Stories degli account che seguiamo da vedere, le immagini del profilo di chi le ha condivise appariranno in alto con un contorno colorato, che sarà visibile anche nelle schermate dei singoli profili. Per vedere una storia pubblicata da qualcuno, basterà un tap sull’immagine del profilo; se vogliamo commentarla, potremo inviare un messaggio diretto a quell’utente: solo chi pubblica una storia può vedere il numero e i nomi delle persone che l’hanno vista. Non ci sono “like” e commenti pubblici al contrario di foto e video, in cui tutti...

Read More

Turista fai da te? Ecco un’app per scoprire le opere d’arte nei paraggi!

IN ITALIA, CI SONO TANTISSIME OPERE D’ARTE CHE NON SI TROVANO NEI MUSEI PIÙ FAMOSI, BENSÌ IN CHIESE, PALAZZI, COLLEZIONI E GALLERIE NOTE SOLO (QUANDO VA BENE) A CHI VIVE NEI PRESSI. A volte, non sono riportate nemmeno nelle guide, ma valgono comunque una visita: si tratta di pitture, affreschi e sculture, anche di importanti artisti, che non sono note al grande pubblico solo perché non si trovano in musei famosi, come la Galleria degli Uffizi o la Pinacoteca di Brera, tanto per citarne un paio. L’immenso patrimonio artistico del nostro paese, infatti, è per lo più disseminato sul territorio, e non c’è regione italiana che non abbia degli autentici tesori artistici da scoprire. Ma come fa un’appassionato d’arte a sapere cosa c’è da vedere nelle vicinanze? C’È UN’APP CHE PERMETTE DI SCOPRIRE LE OPERE D’ARTE NELLE VICINANZE, ANCHE SE NON SI TROVANO SULLE GUIDE: ARTITALY. ArtItaly, disponibile per iOS e Android rispettivamente su Apple Store e Google Play, ha catalogati nel suo database (in costante e continuo aggiornamento) oltre 23mila tra quadri, sculture e affreschi. Molte di queste opere non sono catalogate nelle guide più famose né sono custodite nei musei più noti, e l’unico modo per scoprirle, se non si conoscono, è che qualcuno ce le faccia conoscere. ArtItaly è ancora poco conosciuta e utilizzata, ma non possiamo fare a meno di raccomandarne l’utilizzo, vista la facilità e l’utilità, specie nei periodi...

Read More